venerdì 16 dicembre 2011

Risposta ad "ANONIMO"

Caro Anonimo,

quelli che hanno rinnegato mi auguro di tutto cuore che non mettano in pratica le boiate di cui si riempiono la bocca, alticci, alle loro adunate; avrei visto con maggior simpatia, oltre alla condanna del gesto ed alle doverose ma un po' conformiste attestazioni di cordoglio alla comunità senegalese, un atto di assunzione di responsabilità "morale", di "sobria umanità" l'ho definito: ammettere che Casseri era un iscritto di Casa Pound, prendere le distanze dal gesto ovviamente, non dalla persona, e riconoscere che probabilmente c'è stato un errore di valutazione del disagio di costui. Un mancato aiuto, un'omessa azione di AMICIZIA e sostegno morale, psicologico, di vicinanza per ricondurre questa persona sofferente almeno nell'alveo dell'inoffensività.
La cosa ti suona strana? Pistoia, caro anonimo, è un paesone dove tutti si conoscono e dove evidentemente anche nei "virili congressi" del "circolo di volontariato" casa pound, ci si giura amicizia, sostegno e fedeltà finchè conviene. Nei comunicati paraculanti di casa pound si imputa tutto alla follia...anche se questa follia "selettiva" è invero piuttosto inquietante e bizzarra: un pazzo vero (come il marocchino della strage di Liegi, che il TG1 ha elegantemente affiancato a Casseri in una sorta di parallelismo anestetizzante, di pout-pourri dello sbrocco generalizzato e trasversale) un pazzo, dicevo, spara a casaccio nel mucchio, non sceglie.
Questo pazzo qua ha però scelto, e scelto fra gli ultimi della Terra, quelli che sono, nei circolini di destra, irrisi e definiti "scimmie", "allogeni", "baluba".
Questo pazzo qua ha ucciso sistematicamente ed in 2 luoghi diversi.
Apprendo stamani che le indagini stanno portando alla luce altri aspetti inquietanti (portatile sparito, abitazione di Casseri "bonificata", gente che nei forum di estrema destra inneggiava a Casseri dopo pochi minuti che il fatto era accaduto - chi glielo aveva detto? un caso di telepatia? ... come vedi qualcuno non lo ha rinnegato, ma si tratta di fanatici neo-nazisti, forse anche piccini e teste dure a cui - buon per loro - provvederà la "selezione naturale" che auspicano a sistema anche nei civili consorzi).
Evidentemente se questo atto di sobria umanità, di ammissione di fallibilità non si è verificato è perchè questa nuova destra che si professa mondata d'ogni male ha, come si dice dalle mie parti, il "culo sudicio" (coscienza sporca) - Non sto dicendo che questi hanno armato il pazzo, (purtroppo a quello ci ha pensato la questura fornendogli inspiegabilmente un porto d'armi) ma certo i suoi deliri xenofobi non hanno trovato argine, nè di sicuro riprovazione. Sicuramente hanno trovato cameratesca simpatia e giustificazione intellettuale nel revisionismo e nelle teorie del localismo razziale che rifiuta gli altri ritendoli "invasori" sozzi e dediti al malaffare - e pensare che siamo un popolo, oltre che di poeti, santi e navigatori anche e soprattutto di migranti....ehhhh...
E c'è pure gente che prende voti e va in parlamento vomitando questa merda razzista (vedi la Lega che sono i peggio dei peggio...) - ma no, la xenofobia non esiste, vero Iannone? 
Anche Mussolini (che Iannone e soci definiscono "il più grande statista di tutti i tempi") si assunse la responsabilità morale e storica dell'omicidio Matteotti (non quella penale a ribadire la vigliaccheria di fondo di questa marmaglia)
Concludo anch'io questo mio ultimo "affastellamento" (la trattazione ti sarà sembrata discontinua perchè nel post "FACS-isti" ho raccolto scritti sul tema stesi in più riprese e periodi diversi, mi scuso per la mancata precisazione) ricordandoti che i comunisti fra cui si annoverano macellai e despoti di primissimo ordine oltre che terroristi, non si vergognano perchè in nessuno dei loro testi inneggiano a pulizie etniche ed alla soppressione degli ebrei o di qualsivoglia altra "razza", come invece è scritto a CHIARE LETTERE (forse lo avrai letto) nel Mein Kampf. 
Direi piuttosto il contrario visto che si auspica la fratellanza e la pari dignità fra i popoli, l'internazionalismo e la pace. (questo à la carte...poi nei fatti della storia è accaduto tutt'altro - ma vogliamo per tale ragione demonizzare il Vangelo per via delle nefandezze della chiesa?) 
Nel fascismo c'è un messaggio di fondo violento, discriminatorio ancor prima che razzista. Se le leggi razziali sono state ratificate nel '38, già prima si discriminava, minacciava, menava e violentava le persone di diverso credo politico, purgandole con litri di olio di ricino. 
Per essere ancor più chiari, l'ideologie fascista e nazional socialista prevedono nel loro DNA e promuovono un'idea di "società militarizzata", gerarchica, inquadrata, sessista e prevaricante tramite l'uso della violenza, prescritto come mezzo di conquista del potere e mantenimento del controllo della società stessa. 
Oltretutto non dimentichiamoci che il terrorismo nero è stato protagonista degli attentati più vili: quelli verso innocenti ed ignari cittadini, come alla Stazione di Bologna e di persone che andavano in treno a trovare i parenti per le feste come nel caso dell'Italicus... e ne approfitto per ricordare un vero "eroe" pistoiese, il macchinista di quel treno che riuscì a portare fuori il convoglio devastato dall'esplosione, evitando un'ecatombe. 
Lui si, caro anonimo, che è un pistoiese di cui bisognerebbe ricordarsi, una persona da ammirare e rispettare. Altrochè Casseri, poeraccio... almeno i post sul fantasy potevano lasciarglieli sull'Ideodromo. No? 

ciao!

PS puoi anche firmarti, se vuoi. io ci metto sempre nome cognome e puro il nomignolo con cui mi si conosce, in calce ai miei "sogni" ed "affastellamenti" ;-)

Andrea Betti Tibet


7 commenti:

  1. Buono Andrea, mi piace assai. Se ci fai una raccolta firme te lo sottoscrivo tutto!
    Con l'unica riserva, che ci vuoi fare sono le puntigliosità degli addetti ai lavori (!), che già prima del '38 si perseguitava politicamente ma anche razzialmente, dentro la penisola e nelle colonie: sloveni, croati, libici, etiopi, somali, eritrei. E' che il fascismo ha l'ossessione dell'unità di ridurre tutto a uno, una politica, un partito, una razza, una nazione, una lingua. un....
    Sul Casseri che dire, tutto vero, specie la prima parte, se non fossero pericolosi sarebbe ro patetici...
    L'hai avuto il mio lavoro sulla violenza squadrista a Pistoia, "Una passione violenta"? Se no fammi sapere che te lo procuro.
    ciao!
    Stefano

    RispondiElimina
  2. Grazie Stefano!
    Ben vengano le puntigliose precisazioni! :-)
    Del resto io non scrivo da storico e non ho titolo né pretesa di farlo.
    Procurami pure gli articoli che dici (anche l'ultimo che mi hai inviato mi piaceva assai) se mi autorizzi a pubblicarli anche sul mio blog o a linkarli al sito originale di pubblicazione ne sarei felice!

    RispondiElimina
  3. Caro Tibet.
    Mi rendo conto che questo non è il luogo migliore per un confronto: la gente nei forum tende più a sfogarsi che a tentare di capirsi.
    Comunque. Quello che mi lascia un po' perplesso è la disinvoltura con cui produci le tue premesse. Per esempio: se "quelli che hanno rinnegato" li hai visti e sentiti ai raduni fascisti è un conto, e ti ascolto volentieri. In caso contrario: perchè mi parli delle "boiate di cui [quelli che hanno rinnegato] si riempiono la bocca, alticci, alle loro adunate" come se ci andassi sempre anche tu? E' un atteggiamento pericoloso, molto simile al loro: è il rifiuto di fare distinzioni. Se vuoi anch'io me li immagino ubriachi a sparare stronzate con magliette ridicole, ma quando si tratta di farsi un'opinione questa immagine la lascio da parte: non deve costituire un'ipotesi certa su cui costruire una tesi.
    Vuoi un altro esempio? "un pazzo, dicevo, spara a casaccio nel mucchio, non sceglie." Questa asserzione è solo funzionale al discorso che vuoi portare avanti, ma è semplicemente falsa. La maggior parte dei serial killer (o dei semplici "picchiatori") invasati, è motivata da un odio ben circoscritto: i colleghi che mi prendevano per il culo, o le prostitute perchè sono immorali, o gli sbirri perchè sono fascisti, o le coppie miste perchè produrranno brutture, o Jodie Foster perchè non risponde alle mie mail, o appunto i negri perchè non si lavano e ci rubano lo spazio vitale.
    Tra l'altro, siccome non mi sembri un cretino, ho l'impressione di dire cose che sai benissimo anche tu, ma che i fumi dell'incazzatura non ti consentono di focalizzare.
    Oppure, a proposito dei comunisti: "in nessuno dei loro testi inneggiano a pulizie etniche ed alla soppressione degli ebrei o di qualsivoglia altra razza". Io i testi teorici del comunismo non li ho letti tutti (forse neanche tu). E' però innegabile che storicamente i comunisti non disdegnano il massacro o l'assassinio, quando è il caso, e che dalle mie parti la scritta "fasci okkio al kranio" sui muri è spesso firmata con falce-e-martello, ed è buffo, perchè quello è uno slogan di stile decisamente fascista. Inoltre, non immagini le boiate di cui alcuni di questi si riempivano la bocca alticci ai raduni, quando da ragazzo li bazzicavo.
    Si potrebbe obiettare che quelli sono solo degli ignoranti facinorosi e comunisti per "posa", ma si può dire lo stesso di molti piccoli idioti che si rapano a zero e mettono bomber e ranger fino al ginocchio prima di uscire in cerca del negro da pestare.
    Beh: ho rubato fin troppo "spazio vitale" al tuo blog. Inoltre, rispondere punto per punto non funziona mai.
    Diciamo solo che quello che scrivi mi sembra sanguigno e forse anche in buona fede, ma -non ti offendere- vago, o parziale. Comprendo e sottoscrivo la tua rabbia, ma non sono d'accordo sui perchè.
    Grazie per avermi dedicato la tua attenzione, e in bocca al lupo per il tuo blog!

    Giuseppe Paolini

    PS Quella di redimere gli "anonimi" in un luogo in cui nessuno conosce nessuno e le identità non sono riscontrabili mi sembra una sciocchezza molto di moda, come quella di giudicare una persona dalla stretta di mano. Però ho notato che se usi un qualsiasi pseudonimo sono tutti contenti.

    RispondiElimina
  4. Ciao, Tibet. Sono l'anonimo. Ho scritto una risposta al tuo post, ma dopo la pubblicazione scompare immediatamente. Forse è troppo lunga?
    Se ti interessa leggerla, suggeriscimi una soluzione che non sia spezzarla in tronconi.
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. Ciao Anonimo
    mi spiace per il problema tecnico.
    Inviamela a info@orzoluna.org e la pubblicherò volentieri come post sul mio blog.
    grazie

    A>>>

    RispondiElimina
  6. Scusami, ma ho perso quello che avevo scritto e nel frattempo mi si è raffreddato il ferro.
    In bocca al lupo per il tuo blog.

    RispondiElimina
  7. si si pubblica pure. E usa i riferimenti che di solito ci sono. Se poi ho link via via ti fo sapere. Ciao!

    RispondiElimina