venerdì 17 febbraio 2012

Nella Torre di Controllo - Track 03 + Track04 (bonus track)

... special bonus per il weekendo, per coloro che amano rassegare davanti al monitorio il tempo delle libertà vigilate. Doppia porzione di romanzo minchia \ incompiuto. Enjoy! Relax and have a drink. 


(nota a margine: incredibilmente nella foto qui sotto che ho scaricato a caso da internet, si vede chiaramente una persona sulla sedia a rotelle che pare essere un tecnico di volo… inquietante coincidenza?)











Track 3
Il segaiolo era stressatissimo: schizzava su dalla sua postazione, nemmeno
avesse avuto una molla compressa nel culo - vagava nella sala controllo
leggendo e rileggendo il bigliettino con gli occhi sbarrati, rossi,
circondati dal bistro che era loro naturale ...- veniva verso di me poi
s'incupiva e cercava, dopo avermi quasi raggiunto, un pretesto nei
macchinari da controllare, per cambiare strada - si fermava sempre davanti
a quelli spenti - allora, spostò un bicchiere di carta appiccicoso di
caffè, nel cestino - il poliziotto lo redarguì rabbioso Cosa fa lei!?
Abbiamo detto di non toccare nulla! Ogni indizio è importante, porca troia!
ma non ci va lei al cinema? lo saprebbe anche un bamb..come era suo!? e che
cosa vuol dire?! le ho detto di non toccare nulla! non me ne frega..non me
ne frega...alla prossima la portiamo al comando, intesi?! - il segaiolo era
un mago nell'inciampare, nello sbagliare mossa - lo faceva con
meticolosità, precisione e prudenza, nulla era improvvisato: ogni suo
errore nasceva da un'attenta riflessione sul da farsi.
il Mutilato non gli ispirava, ma anche lì fece un mezzo tentativo col suo
bigliettino - lui si vergognava a telefonare - poi sentendosi osservato dai
poliziotti che frugavano e fotografavano tutto decise di tornare a sedere -
ansia - con aria fin troppo circospetta si rimise il biglietto in tasca
Cosa sta facendo?! Cos'è quel biglietto?! me lo mostri per cortesia...non
interessa cosa è personale o no! qua c'è un morto, si rende conto? per quel
che mi riguarda potrebbe anche essere lei l'assassino! oppure qualcuno dei
suoi colleghi...anzi...poi dopo i signori mi spiegheranno perchè ci avete
avvertito così tardi...mi pare strano che non vi siate accorti di
nulla...intanto lei mi dia quel bigliettino, avanti!...Prof.sa Salamandra,
psicoterapeuta...e questa chi è? Eh?! Come non lo sa?!
Appuntato! Faccia la cortesia...conduca il signore in centrale...controlli
anche questo indirizzo e questo nominativo...o ha proprio un cognome del
cazzo questa qua, oppure c'è qualcosa di losco...ho fiuto per queste cose
io! - portarono via il segaiolo come un ladro - piagnucolava ed imbastiva
scuse incredibili - è una mia amica - è un biglietto di carnevale - è un
nome d'arte...il poliziotto capì al volo che uno così coi terroristi ci
doveva aver ben poco a che fare, ma si sarebbero divertiti a scoperchiargli
il culo, a metterlo alla berlina, facendogli confessare i suoi miseri
segreti, umiliandolo - un po' come avevo fatto io -in più l'avrebbero
denunciato per intralcio alle indagini su un caso di terrorismo
internazionale, e l'omicidio del Cocaina...sei una talpa, gli avrebbero
urlato, e giù schiaffi e sputi...il Segaiolo era finito - s'era messo in
scacco da solo, ed in due sole mosse - geniale, uno sfigato geniale.
il Mutilato ebbe un fortore di tenerezza - povero ragasso! ci farei parlare
anche il mio avvocato che è bravo e prende poco...ma è un civilista..non se
occupa di cause penali...mah! speriamo bene...poi in fondo son sempre
esperienze...certo che s'è inguaiato...un fattaccio così: insomma siamo
tutti in panico, ma sta' fermo! no?...eh! poveretto! comunque son sempre
esperienze, e se capitano uno le deve affrontare...non si scappa! se la
prende per il verso giusto la galera è come una vacanza...ci son stato io,
anche se per poco: un errore giudiziario, un caso di omonimia...mi han
tirato fuori dopo una settimana...ed il mio avvocato s'è fatto dare 3
milioni e 4 di risarcimento..ora quel ragasso rischia di più, con 'sto
dirottamento de mezzo, e...e l'agitato morto...eh! è un problema..ma io
credo che si risolverà tutto in una bella risciacquata di capo e basta...lo
vedranno anche loro poverino com'è ridotto...troppo imbranato! io glielo
dicevo di stare più calmo...sempre lì con quelle mani..anche per el nostro
lavoro, non va mica bene....finchè c'era il Cocaina a dargli un occhio...ma
ora...il Cocaina, quella merda, gli aveva proprio combinato un brutto
scherzo al Segaiolo - la celebre professoressa Salamandra altro non era che
la tenutaria di un esclusivo e inguattatissimo bordello - quelli della buon
costume le davano la caccia da anni senza riuscire a trovare nulla, perchè
il bordello è vero, esisteva, ma era trasferito di volta in volta in
palazzi, ville, appartamenti differenti. Così, dopo anni di indagini
infruttuose, si ritrovarono per le mani l'ultimo indirizzo sicuro della
famosa casa di tolleranza vagante e la notte successiva al fermo del nostro
disgraziatissimo collega, i poliziotti fecero una retata, caccia grossa
anzi! Arrestarono oltre alla famigerata Salamandra, due boss mafiosi
latitanti da un'eternità, il sindaco e l'ambasciatore di una nazione
influente...
per il Segaiolo s'aprirono le porte dell'inferno: fu accusato di ogni sorta
di traffico illecito, droga, armi, collusioni col terrorismo internazionale
ed il giro della prostituzione, tratta delle bianche, pedofilia...tutto.
Dopo un paio di giorni d'interrogatorio continuato veniva scaraventato sul
primo aliscafo per Porto Azzurro, ammanettato e sorvegliato come
vallanzasca - la prima notte gli fecero il culo sette pusher, fra
cui un magrebbino gigante e ingioiellato, alto come un vichingo.
la seconda notte, Armadillo, che stava in carcere da 6 anni, killer
professionista, detenuto modello, persona dai modi squisiti, volto scavato
da vipera, occhi senza luce, ricevette uno sms sul suo nuovo telefonino
- era un messaggio di Ibrahim, lo scagnozzo albanese di Don Carrisi - la
mattina, durante l'ora d'aria, Armadillo s'avvicinò al Segaiolo che
camminava a cowboy. Armadillo cominciò a parlarci amichevolmente - si lagnò
per lui, del fatto che uno per bene come il Segaiolo fosse rimasto vittima
di una tale ingiustizia e gli promise di aiutarlo ad uscire - lui conosceva
un buon avvocato, un certo...scrivi bene, eh? Dottor Guido Satano...no,no
non è uno scherzo, si chiama proprio così 'sto figghi'e 'ndrocchia! il
Segaiolo redigeva l'ennesimo bigliettino.
Armadillo gli prestò il telefonino per fissare subito l'incontro; dopodichè
si strinsero la mano e tornarono in cella, dove il Segaiolo tutto contento
s'assopì e dolcemente, morì nel sonno - il medico della prigione non fece
nemmeno l'autopsia, tanto era chiaro che si trattava di una specie di
emorragia cerebrale all'altezza dell'orecchio destro - trattandosi di morte
naturale, le autorità non aprirono alcuna inchiesta. Il bigliettino del
dottor Satano non fu mai rinvenuto, e con quello chissà...forse l'aveva
buttato via un inserviente ripulendo la cella - aveva proprio ragione
l'ispettore: ogni indizio è fondamentale.

Track 4
Il Mutilato era nervoso, voleva andare a casa - non avrebbe passato una
seconda notte senza la sua morfina - i poliziotti se la prendevano comoda e
i terroristi erano già in svizzera - bomba libera tutti - vaghe promesse di
lasciarci uscire nella tarda serata - il piede artificiale se l'era
attaccato storto, gli faceva un male cane Pronto, avvocato? ehi! son
io...ma che ti devo dire...non ci fanno uscire, eh! me lo immaginavo che
non ti avevano fatto entrare...mh? ma allora sei passato? eri giù nel
parcheggio?! e quando...stamani quando? ...sssì...senti...ascolta: va' a
casa mia che sennò la profuga mi va in ansia...si le ho telefonato...ma lei
è troppo in ansia...vai, le dici che sto bene...eheee, poverella - non ci
voleva, no; brutta storia...son saltati tutti i vetri, ostia! un colpo...e
lei è li con la televisione a tutto spiano che si caga sotto...che hanno
detto, a proposito? quanti? 297 morti! ah, già...i dirottatori erano
3...eh, sì che vuoi farci, è un brutto mondo questo...ok! ma si che la
richiamo! sennò ti vede arrivare così, alla sprovvista...eh! ok! e quei
fogli?...evvabbè...però porca puttana! e non si può rimandare? ma casso!
spiegaglielo al giudice che io son uno dell'aeroporto...saprà la
situassione! è causa di forza maggiore..ma come ha detto che non
c'entra?....ma...m..che mòna!...nemmeno un dirottamento e trecento morti
fermano quei là...ma ssì! sì che me altero! ...è un terone, tanto lo so
io...i teroni son così...vabbè, senti...ne riparliamo con calma...va': ciao
ciao...no, guarda, mi girano troppo i coglioni...ciao ciao...sì...ciao...la
avverto che arrivi verso le sette e mezza...sì, digli che mi hai visto, che
sto bene...ciao..ciao -
Pronto, cara? son io...senti...ohooo, ma non c'ho nulla! Casso! ma nemmeno
un graffio...ma lascia star la televisione...lascia perdere i vetri! eh,sì!
si, che l'ho visto esplodere...ostia! senti lascia perdere, guarda
piuttosto che arriva l'avvocato alle sette e mezza... [sottovoce] e sai
cosa fare, no? ma sì, la telecamera...non devi far niente...tutto
pronto...c'è già la cassetta! ascoltami! cristo! ma come non la sai usare?
ti sei proprio indietro, però! pigi il bottone rosso...ma sì! quello...lo
vedi? ma non ora scema! dopo quando arriva l'avvocato...e vedrai che la
voglia ti viene, tanto non ti conosco io...eh!...vai che ne ho
bisogno...son teso sai..con questa storia...mi sa che tornerò stanotte sul
tardi...l'una, le due...si...si è rotto? lo scaldabagno...vai, senti, fatti
dare i soldi dall'avvocato...no, non piangere a me...è a lui che ti devi
far la manfrina!...vedi che stasera è anche necessario...e allora...ti richiamo
prima delle sette, ok? ciao- click
che differenza passa fra una moglie ed uno scaldabagno? sicuramente il
secondo emette più calore - il Mutilato era un tipo pratico, valutava le
situazioni e le sapeva volgere a suo favore - che poi in questa storia di
mogli, avvocati, telecamere, scaldabagni & terrorismo, lui se ne sbattesse
totalmente della sostanziale differenza di questi elementi, delle loro
differenti priorità, è un fatto pacifico - lui non dava valore, bensì
attribuiva funzioni, risolveva problemi, senza tante menate idealistiche:
era il suo lego gigante, s'interessava di far stare insieme tutto affinchè
non ne ricevesse danno. Se la moglie serviva per un filmino amatoriale e
una bella sega e ciò contribuiva alla riparazione dello scaldabagno, poichè
l'avvocato a causa dell'attentato non aveva potuto far firmare quei fogli e
scopandosi la moglie di una così brava persona, lei piangeva e lui si
sentiva un verme, perchè dunque non spillare proprio a lui il denaro
occorente alla riparazione?
il mutilato soffriva di una particolare sindrome da ultimo anello della
catena biologica - non era chiaro se fosse plancton o pescecane o
alternasse - se ne stava in fondo, giocava da ultimo: contava forse sulla
vangelica promessa che gli ultimi saranno primi? ma lui se ne sbatteva! Era
così opportunista da non avere alcuna grande ambizione - il suo obiettivo
era avere il buzzo pieno, a fine giornata mettere un segno + sul
calendario, esattamente come uno squalo o un microorganismo, senza scrupoli
- la sua eterna causa contro lo stato e il mondo intero, poteva apparire
epica, degna d'un animo nobile; in realtà era l'ovvia reazione animale ad
un tragico imprevisto - non c'era bisogno di scomodare la teologia,
l'etica o la sociologia o la politica: per spiegarsi il Mutilato bastava e
avanzava la biochimica -
quando parlava dei tempi antecedenti la mutilazione diceva solo che era un
tipo allegro, spensierato, sportivo, che aveva un sacco di ragazze - se
proprio volessimo azzardare un'analisi spirituale di questo individuo, la
cosa più logica che verrebbe di pensare è che lui, tutta la sua umanità e
spiritualità l'aveva in quel piede - certo non nel cuore, o nel cervello -
ed in ogni caso tanto valeva: veleva un piede sano di una persona sana -
fosse stato il piede di un handicappato, che lo usa per comunicare, per
scrivere, dipingere, sarebbe stato diverso - no, era un piede qualunque -
peggio che aver avuto l'anima nella merda degli intestini, almeno lì, anche
evacuando spesso, si riforma. No - un piede puzzolente - un piede d'atleta?
macchè! lui era uno sportivo, un dilettante, uno che misurava e misura i
valori della vita attraverso canoni muscolari, un uomo normale. Almeno così
come io lo conoscevo, la cui disumanizzazione - amputazione di umanità - lo
aveva reso meno superficiale di quanto fosse per diventare solo molto
contorto, un po' più dotato d'intelligenza predatoria - un disgraziato.
Persino il Cocaina ed il Segaiolo che non erano certo delle cime, bene o
male avevano una qualche forma di idealismo legata alla loro professione -
guardavano il cielo anche quando non lavoravano -
il Mutilato guardava di molto per terra - nessuno sapeva cosa ci facesse
uno come lui in una torre di controllo, come e perchè ci era arrivato.
Scevro d'ogni determinazione e esente dal libero arbitrio, lui si ritrovava
nelle situazioni, stava un po' fermo per studiarsele, nicchiava, e poi
cercava semplicemente di mettercisi il meglio possibile - e una volta
trovata la posizione, s'addormentava, immobile come un cadavere -
tutti perciò non vedevano il motivo di disprezzarlo - neppure io, mi faceva
solo un po' senso, ma non lo disprezzavo - come un verme m'aspettavo che
prima o poi gli ricrescesse quel piede - e quel pomeriggio mi fece una
strana confessione in proposito; stavamo parlando, classico argomento da
lunga inattività e spallamento, di dio: io stavo lì a dirgli che non mi
ponevo il problema, che non potevo dirmi ateo o credente perchè proprio non
m'interessava la cosa. Potevo come chiunque avere delle pulsioni
trascendentali, ma non mi dimostrava nulla il cercare di dar loro un senso
secondo criteri religiosi e spirituali acquisiti, nè biochimici: la mia
assenza di fede era ovviamente estesa anche alla scienza- non le motivavo e
basta...eh...t'ho capito te! la fai troppo complicata per i miei gusti...ma
non dire cassate, va'!...ora te mi dirai ecco il solito veneto bigotto che
deve portar la croce a gesùcristo e vorrebbe farla portare anche a quei
altri...no,no guarda! non ti voglio far la predica...però secondo me sei te
quello bigotto! ostia!...se non sei te quello che ha paura di credere
perchè non vuoi rimanere fregato! eh! però ti sei anche uno che ha paura di
non credere! perchè questo...questo nulla...ti spaventerebbe troppo,
infine! e poi son sempre beghe coi parenti, colla società...è che ci sei
nato cattolico, non si scappa! se non sei te, lo sono quei altri...e già!
poi ci son quelli...ostia, se mi fanno ridere! quelli che non gli va più di
moda el prete e le messe e allora cambiano religione...che è come cambiar
marca de sigarette, non è mica smettere di fumare! quelli che vogliono
cambiarci il vestito e i modi di fare a quel cristo che dentro li
tormenta...magari se vergognano con gli amici , che è più ganzo fare il
buddista...poi alla resa dei conti 'sti qua, come al solito se sposano in
chiesa, se fanno dare l'estrema unzione prima de morire, così come se son
fatti battessare, comunione e cresima! non lo tiri giù il cristo da dentro
di te! a meno che tu non sei nato in una famiglia di atei da sette o otto
generazioni...non ce la fai! ormai ce l'abbiamo inciso nel codice genetico,
altrochè! e gli atei più di quei altri! lì c'è proprio la
bruciatura...eheee..ora te ti capisco, te dici che la cosa non t'interessa,
che le alternative di moda non t'interessano...ma non importa: lascia stare
che cristo, comunque tu la pensi, ti sta addosso lo stesso! non frega a
nessuno quello che pensi te, ma tutti gli altri, in pubblico magari, hanno
da far vedere che sono in un certo modo..atei, cattolici, buddisti...qui in
italia, poi...nei momenti chiave se cagano addosso!...tu sei nato in questo
mondo qui, mica in un altro! cosa credi di poter seguire un mondo come ti
pare a te? ma va' in mòna! ah! ma te sei uno che non sceglie...sono
illusioni! se non scegliessi nulla allora io qui starei a parlar a un
morto! e se scegli, scegli fra le cose che ti stanno intorno...no è che te
le inventi le cose, le cose ci sono già tutte! e se è tutta merda,
sceglierai quella che ti puzza un po' meno...non si scappa, ragasso! a uno
gli sembra d'avere il controllo sulla propria vita e invece anche il
controllo è un destino...eh, sì! fai lo scettico! è un destino anche
quello...allora ti faccio vedere...- il Mutilato s'alzò in piedi e cominciò
a correre per la sala controllo poi, si rimise a sedere e, cosa ancor più
strana, sollevò la gamba monca e cominciò a muovere la sua protesi di legno
come un piede vivo - io boccheggiavo a quel punto...- visto? oh, mica mi è
ricresciuto! toc-toc- senti? xè legno! è finto...ma è come se fosse
vivo...io vedi, in tutti questi anni ho fatto finta d'essere zoppo, perchè
se mi fossi mosso come mi è naturale, v'avrei spaventato...anche a casa
fingo d'essere zoppo, e la morfina me la inietto per tramortire un po' la
gamba...così mi vien più facile...devo fingere con tutti: l'avvocato, i
dirigenti de l'aeroporto, il giudice...tutti, sennò quei mòna mica mi
darebbero più un soldo...sai cosa gli frega a loro del miracolo! e io non
campo d'aria di sicuro...eh, si! è stato una specie di miracolo, ma sai
ora...per me è abbastanza normale - ho sempre sentito il piede fantasma,
appena mi ci hanno attaccato la protesi...beh, era come se mi fosse
ricresciuto il piede...e sai che anch'io bestemmiavo, imploravo il
padreterno " Signore perchè? Fammi ricrescere il piede!" come in quel film
di Troisi...ti ricordi?...ero cieco! poi un giorno ho capito - ero su a
Mestre dai miei, in vacansa: una mattina vado in spiaggia e sento qualcosa
di strano sotto al piede finto - che io anche in spiaggia lo tenevo in un
calzino, per non impressionare la gente...- ma quella mattina lì, me lo
tolsi e...sai cosa sentivo? sentivo proprio quello che sentivo con l'altro
piede...sentivo la sabbia! era sabbiosa e scottava! Ostia! Feci uno
schizzo! ...un riflesso condissionato, certo! ma mica c'ho i nervi io nel
piede finto...
- in quel momento lì se misero a suonar e campane de la chiesa! ...e io,
che son credente, andai subito lì per accendere un cero alla
madonna...capisci? la provvidenza aveva già agito a dispetto di me e di
tutto...Quando fui in chiesa me bagnai la protesi con l'acqua
santa...e...cominciai a articolarla! Ma capisci?! ...vedi qua, qua c'è un
giunto, ma è una roba meccanica che agisce passivamente, diciamo, quando
poggio il piede a terra...invece da allora...- iniziò a rotearmi il piede
finto in faccia - il piede era sollevato da terra, animato da una forza
misteriosa ma perfettamente naturale. Il Mutilato, compresi in quel
momento, non era mai stato mutilato che per noi.

Nessun commento:

Posta un commento