sabato 19 gennaio 2013

20.000 Tombawatt




Andrea Betti legge "20000 Tombawatt" al Macadam di Perugia. Era il 19 aprile 2000.

Musiche a cura di Jacopo Andreini e i Neem.





Sostieni Ass Cult Press 
www.asscultpress.com

nella ristampa de "La Felicità Terribile" di Andrea Betti.

Su Produzioni dal Basso (http://www.produzionidalbasso.com) lo puoi fare. 
Fallo qui:


Si ringrazia VIVAMENTE Simone Molinaroli per l'inserimento del documento audio (rarissimo) e qui di seguito il testo originale 
(dal vivo ci sono alcuni inevitabili incespichi e improvvisi)



20.000 Tombawatt
di volume, timbro, urlo
per le vostre famiglie:
migliaia di famiglie hanno già salotteschi tombawatt, da mattinotte a seraurora, tombawatt a

venerdì 4 gennaio 2013

Produzioni dal Basso




Tocca farsi un po' di pubblicità: l'amico Simone Molinaroli si fa promotore della campagna di ristampa della mia prima raccolta di scritti e poesie "La Felicità Terribile".
Autoprodotta da me medesimo per Ass Cult Press alla fine del secolo scorso in numero di 250 copie, ed esauritasi piuttosto rapidamente.
La prima edizione aveva una copertina nera, senza titolo: un po' "concept album" come i più nomati Beatles fecero con il White disegnato (anzi non-disegnato) da Richard Hamilton.
Più caserecci noi Asscult optammo per un cartoncino nero bristol - aperto il libro si trovavano le info di rito, il titolo, l'autore, la citazione (da Moby Dick) etc…
Sono grato a Simone per questa sua iniziativa più volte promessa e rimandata, sempre per impegni e casi della vita che ci spingono verso direzioni diverse.

Perché voi adesso dovreste donarmi 5 euro (o più)? 
Perché sicuramente quanto è stato scritto è genuino. Non appartiene a partiti, conventicole, stili e mode. Se fosse un prodotto alimentare diremmo che è "bio". 
Nessuno ci ha mai messo il cappello, estraneo a correnti, gruppi, programmi ideologie e religioni. 

In più questa ristampa vede l'integrazione di "Zucchero Spinato" seconda ed inedita antologia di scritti dal 2000 al 2005. E se le cose andranno bene magari, usciranno anche gli altri: Esoscheletro e Zavorra e chissà cos'altro…
Entrambe le raccolte sono pubblicate su questo blog in forma completa ma poco fruibile: averle su carta e riporle nella nostra libreria è sempre un'altra cosa. 
Perciò per chi volesse partecipare e contribuire rimando al link 
dove potrete per altro ascoltare una rara traccia audio di un reading svoltosi a Perugia nel 2000.

Qui sopra la cover (provvisoria: tuttavia se vi repugna possiamo anche discuterne, oppure no - a me piace il critico \ propositivo, perciò magari a chi fa schifo è concesso diritto di replica solo con controproposta di copertina di suo gusto ;-)

enjoy!

giovedì 3 gennaio 2013

Corporate Image







Di tanto in tanto, per distrarmi,  mi faccio un giro internautico a CasaPaundo. 
Mi dico: vediamo che si sono inventati, anche perché da grafico, devo ammetterlo: hanno una verve logotipistica inesauribile. Ogni minima iniziativa viene "griffata": attendo a gloria il logo di "alzare la tavoletta a casapaundo" per i camerati rispettosi dell'igiene, che virili pisciano in piedi senza però allagare il sacro suolo con le loro minzioni.

In questo si riscontra, a dispetto di tanti capziosi distinguo, la genuina eredità del ventennio, quando per ogni cosa s'istituiva un ente, una sigla, un acronimo, un marchio; si ingaggiava un teatrino, un'azione simbolica e tutti eran contenti, il problema era risolto. 
A me diverte questa infantile ottusità, che sa un po' di magico, dove basta dire al problema "risolviti!" e il problema si risolve. Puf!