lunedì 6 maggio 2019

Grundig




Quando? Mi chiedo
nella nube che 
deposita anime
nella sua struttura
        friabile
                di vapore
nel suo farsi condensa
        pioggia fine
             righe sottili sui vetri
                      su i
                      finestrini
        di auto spinte
ottusamente
       in strade autunnali
forse di ritorno
o dove vanno?
Vanno veloci e ignote,
un oceano grigio mercurio
di vecchi termometri rotti

galleggiavo lì
        alcune parti di me
        affioranti a tratti
e quelle parti
assumevano contorni
        liquidi così
        evidenti
da liquefarmi io 
                      stesso -
corpo e identità
anima e muscoli
grasso e pensiero
sangue e coscienza
rimescolati un attimo
           prima
           di smaterializzarsi -

galleggiavo lì
                  immagine
                  sintonizzata
       e poi persa
nel rumore cosmico
di una vecchia TV 
        in bianco e nero,
quella Grundig del nonno
        perché è una 
                marca tedesca
quindi è buona
           perché i tedeschi
                   sono precisi,
Io, svanivo
        urlando.